Saint-Martin-d’Hères (Isère) : Un segnale di fumo per i/le prigionieri/e

Questa notte abbiamo bruciato una decina di veicoli e macchine di cantiere di Eiffage[1], perché questa impresa occupa una funzione fondamentale nella nostra società carcerale.

Eiffage s’impone implacabilmente nella produzione di spazi di costrizione e di controllo. Posa i suoi artigli sulla maggior parte dei dispositivi della nostra grande gabbia invisibile. Scuole, luoghi di lavoro, abitazioni, tribunali, ospedali (psichiatrici e altri), case di riposo, caserme, stadi, spazi pubblici sono altrettante barriere che ci mantengono in cattività.

Ma se Eiffage è l’oggetto del nostro odio e della nostra azione di vendetta, è anche e soprattutto perché essa fornisce la struttura materiale necessaria all’industria della punizione: centri di permanenza temporanea, prigioni minorili, case circondariali e case di reclusione.

Il nuovo “piano prigioni” di quelli/e che ci governano aggiungerà prossimamente 7000 posti nell’inferno della sopravvivenza carceraria.

Fiera di mostrarsi specialista nel settore, Eiffage farà ancora affari d’oro.
Furiosamente refrattari ad ogni prigione, questa notte le abbiamo dichiarato guerra.

Tutti gli attacchi portati contro la meccanica della detenzione ci danno gioia.

Ammiriamo gli esempi d’insubordinazione che esplodono all’interno delle galere: rifiuti di ritornare in cella dopo l’ora d’aria, scioperi della fame, distruzioni di celle, aggressioni di secondini/e, evasioni.

Salutiamo le rivolte di “fuori”, come i recenti incendi dei veicoli di secondini/e e dello SPIP[2] [servizio di accompagnamento alla re-inserzione per le persone incarcerate; NdT].

Situati/e pure noi in questo esterno relativo – per quanto tempo ancora? –, cerchiamo di portare avanti l’offensiva contro tutto quello e quelli/e che programmano, producono e amministrano le prigioni.

A tutti gli ammutinati, a tutte le ammutinate,
rabbia e coraggio per devastare le nostre gabbie!

Volpacchiotti/e

 

[Traduzione: Anarhija]

Note della traduzione:

[1] Un articolo un po’ datato, su Eiffage e l’ostilità nei loro confronti: Eiffage bâtit les prisons du XXIe siècle [NdT]

[2] A proposito di incendi di macchine private di secondini (5 incendi nel parcheggio della prigione di Fresnes, uno a Sequedin e un altro a Valence) e dell’incendio di alcune auto dello SPIP à Besançon, si può leggere in Kairos n°6 [NdT]

 

[en français][in english]

 

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.