Besançon : Fiamme nell’oscurità

Dopo la sommossa di sabato 5 gennaio 2019.

Di auto, ne bruciano ogni notte.
A quelle che fanno funzionare questo mondo di controllo e di sfruttamento capita più di rado.
E farle andare in fumo necessita una buona dose d’abnegazione e di rabbia…
Eppure. Qualche ora dopo gli scontri nel quartiere di Chamars, una macchina della tecnologia del controllo é finita in fumo, in avenue Clémenceau: Polysécurité, piccola impresa locale, installa ogni ogni giorno sistemi di videosorveglianza e allarmi anti-intrusione.

[Anche se si tratta di una piccola impresa; NdT] è ciononostante nociva per ogni individualità tendente alla libertà.
Guerra alle tecnologie del controllo e della sorvrglianza.

RIC* – Volpi Insorte per il Caos

* NdT: gioco di parole fra “Renard-e-s Insurgé-e-s pour le Chaos” e “Referendum d’Initiative Populaire”, une delle principali richieste del movimento dei Gilet gialli.

 

[Tradotto da Anarhija.info]

[en français][in english][en español]

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.