Fenouillet: Solidarietà in atto

Nella notte fra il 17 e il 18 settembre, un ripetitore di telefonia mobile è bruciato a Fenouillet, a nord di Tolosa.

Mentre Airbus, come la maggior parte delle grandi imprese, licenzia i suoi impiegati/e, il governo rimpingua
le loro casse e vuole obbligarci ad accettare i piani di ristrutturazione basati sul “tutto digitale”.
Oggetti e fabbriche connessi ai tele-lavoratori/trici, la 5G è la base del nostro sfruttamento futuro. Resistiamo!

Solidarietà con i/le lavoratori/trici in lotta e con le persone accusate* per gli attacchi contro la 5G,
a Lons le Saunier, a Mulhouse, a Lille e nel Jura.

Alcuni spettri che infestano l’Europa

 

*Nota del traduttore: negli ultimi mesi, dopo decine di incendi di ripetitori telefonici, lo Stato cerca di stroncare questa pratica con la repressione. Quattoridici persone sono state arrestate in Alsazia (https://attaque.noblogs.org/post/2020/09/10/haut-rhin-quatorze-mises-en-examen-pour-neuf-incendies-dantennes-relais/), accusate di nove incendi di ripetitori; due persone sono state condannate a 4 e 3 anni per l’incendio di un ripetitore nel Jura
(https://attaque.noblogs.org/post/2020/07/20/lons-le-saunier-des-dures-condamnations-pour-les-deux-incendiaires/); quattro persone sono state condannate a pene dagli 8 mesi ad un anno per l’incendio di un ripetitore a Douai; recentemente un compagno è stato arrestato a Besançon, accusto dell’incendio di un ripetitore e del tentato incendio di un’altro.

 

[Traduzione: Il Rovescio]

[en français][en español][in english][Ελληνικά]

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.