Grenoble: Piccolo bollettino di un municipio incendiato

Un mese dopo, una raccolta di articoli della stampa locale e di come l’abbiamo vissuta noi:

Metropoli calma o municipio incendiato?

Quella domenica del 29 settembre 2019, all’ora in cui escono i gatti neri, degli accendini coi passamontagna, legati/e secondo fonte sicura al movimento anarco-autonomo, si sono diretti/e verso il municipio di Grenoble.
Una volta liberato l’accesso al consiglio municipale, il combustibile si è accidentalmente rovesciato su alcune sedie. Queste erano, per una ragione sconosciuta, ammucchiate contro il muro di legno.
Ecco allora che gli/le accendini, armati/e delle loro coraggiose scintille, hanno infiammato la sala, in una luce assordante.
Fecero il patto di svuotarsi, nell’incendio delle istituzioni, di tutto il loro gas.

Aggiornamento al 30 settembre: Un testo in relazione con questo incendio è arrivato ieri alla redazione. Eccone il contenuto:

“Vediamo scritto ovunque che viviamo in una “metropoli calma”. Che i benefici della Smart city rivoluzioneranno le nostre vite. Eppure, è sempre lo stesso grigiume, anche se nascosto dietro le vostre facciate d’ecoquartieri ecologici oppure colorato dalla vostra Festa della Street Art. Quello che ci calma, è distruggere. Pensavamo quindi di proporre al budget partecipato del Comune di Grenoble un progetto mica tanto innovativo: l’incendio della democrazia. Davvero troppo oneroso per essere votato, quindi ci siamo arrangiati.e da soli/e. Però, siamo sicuri/e che se avessimo bruciato la sala del Consiglio municipale tempo prima, i cittadinisti avrebbero potuto votarne la restaurazione”.

Queste frasi sono scritte dai/lle delinquenti? Devono essere considerate come una rivendicazione? Se si, tutto lascia pensare che il loro atto sia un’azione diretta contro la politica partecipativa attualmente portata avanti dal sindaco Eric Piolle.


Incidente? Avete detto incidente? La chiesa di Saint-Jacques* annientata grazie al capriccio di un cortocircuito, si tratta di un incidente? Scivolare per le scale, questo è un incidente.
Invece, un edificio pubblico che prende fuoco? Una domenica, nel bel mezzo della notte? Con tracce di combustibile e diversi punti di accensione? Non può essere un incidente. E noi che pensavamo che gli esperti tipo CSI Miami non sbagliassero mai!

Visto che siamo nell’argomento: due “giovani” su uno scooter che “si schiantano contro un muro” mentre sono inseguiti dalla polizia, delle persone che “cadono” nelle acque di mari e fiumi** la lista sarebbe tristmente interminabile. Si è forse trattato di incidenti?
Gli sbirri, i politici e i media utilizzano parole ed espressioni orientate nel senso dei priviliegiati. Per esempio, nel caso delle violenze della polizia, che hanno come scopo quello di proteggere le loro istituzioni, nel caso delle violenze razziste per difendere il dominio bianco, nel caso delle violenze di genere e dei femminicidi per perpetuare il partiarcato. Secondo voi, la vittima è responsabile dell’atto. Se vi si ascolta e vi si legge, si potrebbe credere che essa ha voluto essere ferita, aggredita, stuprata, uccisa. E, intanto, nulla sull’aggressore, lo stupratore, l’assassino. Nulla che critichi il patriarcato. Nulla che consideri l’impatto sulla vittima. Tutto che discredita la sua parola, quello che ha vissuto. Tutto, invece, che fa passare le donne per vittime, come se fosse l’unica possibilità. Nulla sulla responsabilità dell’aggressore. Nulla sul concetto di consenso.

Le vostre parole e le conclusioni che tirate ci fanno sanguinare, quando vediamo l’estensione dei loro disastri.


Quest’azione diretta è il riflesso del nostro rifiuto della democrazia e del cittadinismo, poco importa a quale livello. Farsi rappresentare e mettere quindi da parte la propria possibilità di riflettere, di decidere e di agire è una scelta che non accettiamo.

Nella sala di un consiglio municipale vengono prese delle posizioni/decisioni attraverso un falso consenso, i progetti sono già decisi e le concertazioni sono dei dibattiti fasulli diretti dai “rappresentanti”. Questo luogo rappresenta le scelte che noi non possiamo fare, le orientazioni che ci fanno schifo, le persone che si accaparrano il potere alle spese di quelli e quelle che crepano rinchiusi/e nelle istituzioni totali, le leggi arbitrariamente dettate e imposte. Nessun potere è piccolo, quando è subito, neppure quando viene nascosto dietro una democrazia di vicinato/locale/rappresentativa/partecipativa (o un funzionamento orizzontale). Tutte queste forme per controllare e spezzare gli slanci individuali e collettivi che non entrano nelle vostre caselle ben pulite. In fondo, non si tratta forse di assicurare il potere dei/lle benpensanti, all’interno di un sistema marcio?

Avevamo anche voglia di parlare dell’attualità, dei sindaci “vittime”. Quest’estate, una notizia di cronaca ha scatenato i commenti. Il sindaco di un paesino è stato ucciso per una storia di immondizia lasciata “selvaggiamente” al bordo di una strada. Non analizzeremo quello che è successo. Invece, quello che ne è seguito ci interessa. I media di disinformazione si sono scatenati e i rappresentanti politici locali si sono lasciati andare: “il notro lavoro è troppo duro”, “nessuna riconoscenza”, come dicono pure gli sbirri. A tutti/e questi/e rappresentati politici/che locali che si sentono investiti/e di una missione messianica per il bene di tutti/e, noi diciamo: non avrete altro che il nostro disprezzo distruttore!

Il fatto di aver attaccato il municipio, per noi vuol quindi dire molto. Distruggere e mostrare che le nostre scelte e i nostri atti hanno luogo al di fuori delle vostre istituzioni ci ha inebriati/e. Bruciare quell’edificio vuol dire rimettere in questone il posto che noi prendiamo/possiamo (immaginare) [di] prendere, è rendersi conto che le istituzioni esistono solo perché noi non le distuggiamo/non pensiamo nemmeno a distruggerle. Le strutture del potere possono anche avere l’aria di essere inattaccabili, ma hanno delle fessure. Abbiamo incendiato il municipio di Grenoble e ci ricorderemo del potere che ci siamo ripresi/e con quest’atto di ribellione. Se obbligati/e a subire questo dominio istituzionale, che almeno ce la prendiamo con le sue strutture per subirlo un po’ meno.

Fino al giorno, che non arriverà, quando la morale, lo Stato e le vostre leggi saranno stati tutti bruciati.

Sostegno a tutti/e i/le ribelli che attaccano questo mondo.


Note del traduttore:

* Il 17 gennaio 2019, la chiesa di Saint-Jacques, a Grenoble, é stata interamente distrutta da un incendio. Accidentale, a detta degli inquirenti, nonostante la rivendicazione. In occasione dell’incendio del municipio, in una conferenza stampa, la Procura ha ammesso che anche in quel caso si era trattato di un incendio volontario (ma chi dà retta a giornali o inquirenti? Perché considerarli come una controparte a cui parlare o da smentire? Al massimo possiamo sfottere la loro incompetenza!).

** L’accenno ai morti nei fiumi fa pensare al caso di Steve Maia Caniço, annegato dopo essere caduto nella Loira, a Nantes, il 22 giugno scorso, quando la polizia ha effettuato delle pesanti cariche per sgomberare il luogo in cui si teneva la festa della musica.

 

[Traduzione : Insuscettibile di ravvedimento]

[en français]

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.