Bruxelles : La nostra visione della festa

piccoli piaceri quotidiani

Ecco: è festa.

Si beve, si fuma, ci si sfonda per dimenticare che quest’anno somiglierà a tutti gli altri. O sarà ancora peggio.

La nostra idea della festa era un po’ diversa.

Stufi della falsa intensità dei soliti apputamenti del movimento, benpensanti e alcolici, abbiamo deciso di andare fare festa come piace a noi.

Esageriamo rapidamente. Dobbiamo ammettere che non sappiamo trattenerci.

Falsh di un istante, riapro gli occhi e respiro forte sotto il mio passamontagna, mi sforzo di inspirare col naso ed espirare con la bocca. Sono totalmente nell’attimo presente e null’altro sembra avere importanza.

Gestire il proprio stress. Verifico per la quattordicesima volta di avere l’accendino. Un lampeggiante passa poco lontano, contatto fisico con gli amici. Come una voglia di battersi contro tutta questa rassegnazione.

Dai, si va, a testa bassa. Nella mia testa ci sono dei canti di delinquente che risuonano.

Si posa della diavolina sotto le ruote, si guarda bene tutt’intorno, si accende, si corre, brucia già bene, non si ride ancora, troppa tensione.

Più tardi, ci si distende un po’, si ride, ci si accarezza. Veloci. Furtivi. Sono momenti rubati.

Momenti di vita. Certo che bruciamo della macchine. E a dirvela tutta, nonsolo a San Silvestro.

Certo che lo facciamo senza rivendicazione.

Certo che abbiamo l’indecenza di essere ancora vivi.

Sono cose che ripetiamo senza sosta, ma non aspettiamo nulla.

Non crediamo che andrà meglio e che la gente si rivolterà, o che possiamo rivoluzionare questa società.

Non abbiamo tempo di distribuire dei volantini del cazzo, dei manifesti, di persuadere, di invitare, di convincere, di arruolarsi, di sedurre.

Abbiamo l’impazienza avvitata al corpo e rifiutiamo questo gioco.

Noi troviamo la nostra libertà nell’attacco, non nell’attesa di futuri migliori o di ipotetiche condizioni riunite o di prospettive e progettualità insurezzionali.

In una totale assenza di freni, abbiamo incendiato una macchina di guardie giurate, una appartenente alla ditta Vinci [grande impresa francese di lavori pubblici, che costruisce, fra altre porcherie, prigioni; NdT] e una della società Bam (e bam! suona come un invito, no?), costruttori di prigioni in Belgio.

Oltre la gioia che ci ha procurato, volevamo mandare un piccolo messaggio ai compa incarcerati/e.

Sia ai compa dell’internazionale nera, agli impazienti, agi arrabbiati, a quelli/e che non aspettano che scoppi il casino per lanciarsi, a tutti/e quelli/e che cospirano, che al compagno Damien, arrestato di recente per devastazione (viva il van, viva il van, viva il vandalismo).

Ci rivediamo presto.

Scandalosamente vostri

Delle teste bruciate

[tradotto da Anarhija]

[en français][Srpskohrvatski]

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.